Sabato 4 luglio 2015, al sorgere del sole, Giulio Guarini Grisaldi Del Taja è morto. Era nato a Forlì il 4 marzo del 1933. Aveva studiato chimica a Firenze dove si era laureato negli anni '50. Da allora aveva svolto tutta la sua carriera accademica nel nostro Ateneo fino al suo pensionamento, in qualità di professore associato di cinetica chimica, avvenuto nel 1997. Frequentai due corsi con lui e decisi di chiedergli la tesi. Fu così che il 18 dicembre 1980, giorno dalla mia laurea in chimica, lui si trovò ad essere relatore del Magnifico Rettore eletto per il sessennio 2015-2021. Nella circostanza del suo pensionamento organizzai una cena in suo onore, con la sua cara Laura, insieme ad un gruppo di ex-allievi, di cui ero forse il più giovane. Nell'occasione regalammo a Giulio una stampa e fui incaricato di scrivere il biglietto. Poche parole per esprimere noi tutti stima, gratitudine ed affetto al nostro professore, sottolineando tre aspetti del suo magistero. La modestia, l'umiltà e l'onestà intellettuale del ricercatore scientifico; l'amore e la passione per la didattica e l'insegnamento con l'ostinata voglia di far capire; la nobiltà d'animo ed il suo esser stato sempre prima un fine galantuomo e poi, molto dopo, "il Professore". Dopo il suo pensionamento siamo diventati amici veri e lui ha seguito con molto affetto la mia famiglia e il crescere dei miei figli, nonché i progressi scientifici ed accademici del suo allievo. Era un grande cuoco e le cene a casa sua, in campagna o città, restano memorabili. Quando diventai ordinario, nel dicembre 2011, volle rendermi l'onore della "penna stilografica", arrovesciando la cerimonia resa celebre dal film A beautiful mind. Provato da numerosi acciacchi ha stretto i denti negli ultimi mesi: voleva arrivare in tutti i modi al pomeriggio del 4 giugno. L'ho sentito l'ultima volta in quell'occasione; mi ha detto per telefono: "ora sono tanto felice!". Qualche giorno prima aveva voluto indirizzarmi una emozionante e commovente testimonianza che fa capire che tipo di uomo e personaggio fosse Giulio. Amava molto il concerto di Grieg per pianoforte ed orchestra: RIP su queste note.

https://www.youtube.com/watch?v=I1Yoyz6_Los