Questa mattina un’atmosfera di grande, sincera e calda partecipazione ha permeato i bellissimi volumi dell’Aula Battilani in via Santa Reparata. Nel mio programma ho parlato di “comunità di pari”: ebbene stamani abbiamo gettato importanti semi affinché questa idea, forse un sogno, possa germinare rigogliosamente nei prossimi sei anni. Dovremo innaffiare molto, con i temi della valorizzazione effettiva di tutto il personale, con la promozione ed incentivazione delle buone pratiche, con un continuo scambio di opinioni rispetto ai problemi quotidiani, ma anche alle prospettive più generali e politiche. Insomma quell’approccio bottom-up di cui parlo nel programma mi sembra sia emerso con forza dalle domande e dai pensieri di tutti gli intervenuti.

Dalle mie risposte spero sia stato percepito il segnale più importante: che all’idea di “squadra” e di “comunità accademica” ci credo. E quando uno ci crede dal profondo deve profondere con energia anche passione ed entusiasmo.